Anche i Taxi di Perugia tra sciopero e stato di mobilitazione: "Vogliono farci fuori per fare spazio alle multinazionali"

Anche i Taxi di Perugia tra sciopero e stato di mobilitazione: Vogliono farci fuori per fare spazio alle multinazionali
PerugiaToday INTERNO

Il fermo, che ha trovato d’accordo anche CNA, è legato essenzialmente al rischio liberalizzazioni.

Ma il settore ha deciso di garantire comunque il servizio verso le categorie deboli.

Il ddl Concorrenza, infatti, all’art

Anche a Perugia il comparto dei taxi si mobilita (con scioperi possibili) e una delegazione parteciperà con una manifestazione nazionale a Roma.

Un rischio che si legge tra le righe del ddl concorrenza, in cui vengono gettate le premesse per una deregolamentazione ulteriore del settore. (PerugiaToday)

La notizia riportata su altri media

La carovana di auto bianche, nella giornata di sciopero nazionale della categoria, procede a passo d'uomo creando qualche disagio al traffico. "Il nostro settore garantisce un servizio pubblico regolamentato, in cui le tariffe sono certe, visibili e amministrate, perché stabilite per legge dal Comune. (GenovaToday)

L’articolo prevede una riforma del trasporto pubblico non di linea, quindi taxi e Ncc. I motivi della protesta, oltre a essere esposti a bordo dei taxi, saranno consultabili inquadrando il Qr code esposto sui taxi. (Il Sole 24 ORE)

Tutte le sigle sindacali dei tassisti sono in sciopero generale fino alle 22. L’agitazione è basata sulla protesta contro il Ddl concorrenza che secondo la categoria “regalerà l’intero settore alle multinazionali”. (Il Fatto Quotidiano)

La protesta dei taxisti a Torino: “No al Ddl Concorrenza”

Non è vittimismo, né paura della concorrenza, ma per come è strutturato oggi quell' articolo del Ddl, apre, per non dire consegna, il settore alle multinazionali estere" Milano, 24 novembre - Disagi per tutta la giornata per chi si sposta in taxi a causa dello sciopero nazionale di 14 ore, dalle 8 di stamani fino alle 22. (Il Giorno)

I tassisti raggiungono a piedi piazza Castello dove c’è un presidio. Presidi di auto bianche sono già in corso davanti alle stazioni, altri taxi si concentreranno in centro in piazza Vittorio Veneto. (La Stampa)

L'adesione è praticamente totale visto che per la prima volta dopo tanti anni la mobilitazione è stata decisa da tutte le sigle sindacali. È iniziata a Torino la protesta dei taxi contro il ddl Concorrenza. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr