Roland Garros, Gauff nel giorno di Musetti e Sinner

Indiscreto SPORT

Partita sulla carta equilibrata, come indica anche il ranking WTA (25 contro 26), ma la Gauff pur avendo 17 anni ha già una solidità mentale impressionante e, vista da lontano, sta crescendo in maniera più equilibrata di altre ragazzine prodigio.

Fresca trionfatrice a Parma, non è difficile pronosticare un suo grande futuro anche sulla terra battuta vista l’impressionante fase difensiva, ma nel presente dobbiamo giudicarla in relazione alla Jabeur. (Indiscreto)

Ne parlano anche altri giornali

Dei tre ko, questo è stato senza dubbio il peggiore per il classe 2001. Dopo il ko di Musetti con Djokovic, anche un altro azzurro saluta il Roland Garros. (Fanpage)

Il giovane italiano ha sfiorato un’impresa incredibile, cedendo poi nel finale soffrendo il ritorno sia fisico che mentale del numero uno al mondo. LEGGI ANCHE > > > MUSETTI-DJOKOVIC, IMPRESA SFIORATA. Il classe 2002 è andato a confermare ancora una volta come il tennis italiano abbia preso una piega decisamente positiva negli ultimi anni (DirettaGoal)

Due set da predestinato, poi il crollo verticale. E qui infine un altro punto simbolico del primo set, una veronica precisa e spettacolare per rispondere ad un lob dell’avversario (Tennis Fever)

Non ho iniziato a guardare molto tennis sa 13 o 14 anni. Penso di averlo fatto perché mi piace molto giocare e non c’è molto da giocare nello sci. (IlNapolista)

Nadal cambia marcia, recupera il break e mette la freccia: il mancino sale 6-5 e chiude 7-5 dopo 1h04' strappando nuovamente il servizio al rivale. L'iberico prende subito il largo nella seconda partita e gestisce il vantaggio fino al 6-3 che arriva dopo 1h48'. (Adnkronos)

Poi ho iniziato a giocare bene, ma da quel momento ho tenuto un altro livello di tennis rispetto alla prima frazione”. Lo sappiamo, ai quarti di finale possiamo giocare soltanto contro i migliori al mondo, non puoi aspettarti altro che un avversario difficile” (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr