G8 Genova: Lucio Sardi (SI) ricorda i fatti del 2001. "Una delle pagine più buie della nostra democrazia. Sono stati 20 anni perduti"

G8 Genova: Lucio Sardi (SI) ricorda i fatti del 2001. Una delle pagine più buie della nostra democrazia. Sono stati 20 anni perduti
Per saperne di più:
Imperiapost.it INTERNO

Scendendo al piccolo della nostra città sono stati i vent’anni perduti dietro le ambizioni di un politico che dimostrò allora tutta la sua inadeguatezza e scarso senso dello stato.

Lucio Sardi, esponente di Sinistra Italiana, interviene con una lunga nota stampa per ricordare i fatti avvenuti a Genova 20 anni fa, durante lo svolgimento del G8.

Durante la riunione dei capi di governo dei maggiori paesi industrializzati, i movimenti no-global e le associazioni diedero vita a manifestazioni di dissenso, con scontri tra forze dell’ordine e manifestanti. (Imperiapost.it)

Ne parlano anche altri giornali

Ero un ragazzo di 23 anni quando approdai a Genova. Venerdì una tromba incalzante lanciata attraverso gli altoparlanti ci dava una sveglia decisa e ci chiamava al raduno per le istruzioni. (Il Fatto Quotidiano)

Nel 2005, il consiglio comunale di Genova approvò la posa di una lapide commemorativa in piazza Alimonda (con scritto: “Carlo Giuliani, ragazzo Sono trascorsi 20 anni dalla morte di Carlo Giuliani avvenuta il 20 luglio 2001, in piazza Alimonda, a Genova. (Time Magazine)

Il poliziotto veronese Al poliziotto veronese Giampaolo Trevisi toccò di coordinare il servizio d’ordine fuori dalla scuola, quella maledetta notte. Migliaia di veneti a Genova Quell’estate c’erano migliaia di veneti, nel capoluogo ligure. (Corriere della Sera)

La serie infinita delle morti bianche, il ventennale dell'assalto alla scuola Diaz e le altre notizie della giornata

Manu Chao è tornato a Genova in occasione del ventennale del G8 del 2001 e ha partecipato, a sorpresa, al concerto in ricordo di Carlo Giuliani, il giovane genovese ucciso durante gli scontri in quel tragico 20 luglio. (Corriere TV)

Il corteo è partito attorno alle 17:45, attraversando via Tolemaide e arrivando alla stazione di Brignole, per poi proseguire in via XX Settembre con meta in piazza De Ferrari e poi piazza Matteotti. Da parte delle forze dell'ordine non c'è mai stata preoccupazione perché tutti i partecipanti hanno partecipato a viso scoperto. (Primocanale)

In Italia nel giro di poche ore si è avuta notizia di tre morti sul lavoro. Il dramma dei migranti – i respingimenti e le morti nel Mediterraneo – si ripetono senza sosta (Radio Popolare)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr