Mafia ed estorsioni, blitz di polizia e carabinieri: 16 fermi a Palermo

Mafia ed estorsioni, blitz di polizia e carabinieri: 16 fermi a Palermo
Altri dettagli:
Rai News INTERNO

Questo hanno accertato gli investigatori della squadra mobile che questa notte hanno falcidiato la famiglia di Roccella con 8 fermi per mafia ed estorsione aggravata.

In alcuni casi, i commercianti si sono preoccupati di non figurare nel "libro mastro" delle estorsioni o di offrire all'estortore un escamotage per eludere eventuali controlli di polizia.

Operazione "Stirpe" Mafia ed estorsioni, blitz di polizia e carabinieri: 16 fermi a Palermo Inchiesta della Dda sul mandamento Brancaccio/Ciaculli (Rai News)

Su altre testate

Era stato Giuseppe Greco, fermato anche lui nella notte nell’operazione Stirpe dei carabinieri, ritenuto il nuovo capomafia di Ciaculli, dopo l’arresto del nipote Leandro, a chiedere a Filippo Bisconti, ex capomafia di Belmonte Mezzagno, oggi collaboratore di giustizia dopo l’arresto del 2018, di realizzare un cimitero privato. (BlogSicilia.it)

I nomi. Già dall’operazione 'Cupola 2.0' del dicembre 2018 era emersa la figura di di Leandro Greco, giovane nipote dello storico boss di Ciaculli, Michele Greco. (Gazzetta del Sud - Edizione Sicilia)

Secondo quanto accertato dagli investigatori, al vertice della famiglia mafiosa della Roccella ci sarebbero Giovanni Di Lisciandro e Stefano Nolano. Operazione Stirpe e Tentacoli di carabinieri e polizia. (BlogSicilia.it)

Blitz a Palermo: 16 arresti tra Brancaccio e Ciaculli - TGR Sicilia

I Carabinieri della Stazione di Mottola, in esecuzione di una misura cautelare emessa del Tribunale di Taranto – Ufficio G.I.P. – hanno tratto in arresto un giovane 27enne del luogo, poiché ritenuto responsabile di un tentativo di estorsione ai danni di un suo coetaneo. (Tarantini Time)

Il presupposto per assicurare nel tempo ai due l’egemonia sulle altre famiglie assorbite sotto l’influenza del mandamento mafioso di Ciaculli (già Brancaccio) è stato assicurato dal rapporto di parentela con l’ex capo della commissione Michele Greco “il papa” (LaPresse)

Tra i fermati pure un nipote di Michele Greco, lo storico boss di Ciaculli detto il Papa. Nel mirino degli inquirenti le famiglie mafiose di Brancaccio e Roccella a Palermo. (TGR – Rai)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr