Covid, mancata zona rossa nella Bergamasca. Crisanti consegna la consulenza: “6mila morti su un milioni…

Covid, mancata zona rossa nella Bergamasca. Crisanti consegna la consulenza: “6mila morti su un milioni…
Il Fatto Quotidiano INTERNO

– I famigliari delle vittime del covid nel Bergamasco hanno voluto ringraziare il consulente della Procura, professor Andrea Crisanti, dopo che ha discusso il suo elaborato coi pm bergamaschi.

“Questo lo posso dire perché è già stato detto dalla Procura – sottolinea -: quando si verificò il primo caso all’ospedale di Alzano c’arano già circa cento contagiati”.

La consulenza sulla mancata zona rossa nella Bergamasca durante i primi giorni della pandemia di Covid era attesa da tempo e oggi finalmente se ne conoscono i contorni. (Il Fatto Quotidiano)

Su altri giornali

Autorizzaci a leggere i tuoi dati di navigazione per attività di analisi e profilazione. Così la tua area personale sarà sempre più ricca di contenuti in linea con i tuoi interessi (Corriere TV)

Una riguarda quando doveva essere attivato il piano pandemico; la seconda come e quando poteva essere attivata la zona rossa». Infine se fossero esigibili provvedimenti di applicazione della zona rossa più tempestivi (prima dell’8 marzo, ndr) e che effetto avrebbero avuto sulla trasmissione del virus». (Corriere della Sera)

"Criticità su zona rossa nel Bergamasco". Dal colloquio tra i pm bergamaschi e il loro consulente Andrea Crisanti sono emerse "criticità riguardo l'applicazione e la tempistica della zona rossa" nel Bergamasco e "criticità sull'applicazione del piano pandemico nazionale". (La Repubblica)

Covid, Crisanti accusa in Tribunale: "La zona rossa a Bergamo avrebbe salvato migliaia di vite". Il retroscena

In particolare la perizia ha rilevato che la chiusura tempestiva dell'area per limitare le infezioni avrebbe salvato molte vite. «Quando fu scoperto il paziente Uno positivo al Covid a Codogno, nel febbraio 2020, nell'ospedale di Alzano c'erano già un centinaio di contagiati dal virus». (ilGiornale.it)

È l’indiscrezione trapelata ieri, venerdì 14 gennaio, dopo che Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, ha consegnato ai magistrati bergamaschi la propria maxi consulenza nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione del Covid. (Prima Bergamo)

Questo è quanto avrebbe dichiarato il professor Andrea Crisanti ai magistrati della Procura di Bergamo che lo hanno ascoltato nel pomeriggio di ieri. La zona rossa a Nembro e Alzano non venne mai istituita, ma avrebbe potuto evitare tra le 2mila e le 4mila vittime in Val Seriana. (Virgilio Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr