Covid, Furgiuele (Lega), riaprire in sicurezza, proteste commercianti Lamezia segnale chiaro

Covid, Furgiuele (Lega), riaprire in sicurezza, proteste commercianti Lamezia segnale chiaro
Corriere di Lamezia INTERNO

E se siamo al governo Draghi, è per non ripetere i disastri del governo Conte”.

Happy 0 0 % Sad 0 0 % Excited 0 0 % Sleepy 0 0 % Angry 0 0 % Surprise 0 0 %

Share 0 Condivisioni. 31 sec. “Le proteste dei commercianti a Lamezia, legittime e vibrate ma sempre composte, sono un segnale chiaro e inequivocabile.

Le donne e gli uomini che protestano non chiedono lavoro, ma possibilità di lavorare.

Per questo insistiamo: riaprire in sicurezza si può e si deve. (Corriere di Lamezia)

La notizia riportata su altre testate

La situazione in Libia, nonostante l’accordo per il cessate il fuoco e la formazione del nuovo Governo di unità nazionale, presenta ancora molti interrogativi. Equilibri quindi non di facile mantenimento, come era del resto prevedibile dopo la guerra civile, quelli disegnarti in Libia da Turchia e Russia. (Avanti!)

dell'immigrazione. Tuttavia, negli ultimi tempi Francia, Turchia e Russia hanno esteso sempre di più la loro influenza nel paese, e l'Italia purtroppo ha perso terreno rispetto a prima nei rapporti con la Libia. (Agenzia Stampa Italia)

Così Renata Natili Micheli, presidente nazionale del Centro italiano femminile, commentando la visita del premier italiano ieri a Tripoli. (Servizio Informazione Religiosa)

Draghi in Libia: 'La nostra partnership guida per il futuro'

Il provvedimento ha riguardato la proroga della partecipazione del contingente della Guardia di finanza e dell’Arma dei carabinieri alla missione bilaterale in Libia, il sostegno alla cosiddetta guardia costiera libica, alla missione europea Eunavfor Med Irini nel Mediterraneo centrale e a quella Nato Seaguardian. (quoted business)

Draghi a Tripoli ha elogiato la Libia per il salvataggio dei migranti ma ha sorvolato sulle sistematiche torture e violenze di trafficanti e polizia libica, scontentando l’ala sinistra del suo governo. (Quotidiano del Sud)

Il premier Mario Draghi sceglie Tripoli come sua prima uscita al di fuori dai confini e non lo fa a caso. "E' il momento di ricostruire l'antica amicizia tra Italia e Libia", sottolinea Draghi dopo aver visto il Primo Ministro Abdulhamid Dabaiba in un bilaterale che potrebbe cambiare, da qui alle elezioni libiche di dicembre, i rapporti tra i due Paesi. (Tiscali.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr