Videogiochi. 40 anni di Pac man, arcade più famoso del mondo

Videogiochi. 40 anni di Pac man, arcade più famoso del mondo
Rai News Rai News (Scienza e tecnologia)

Il rischio però che il pubblico del mercato americano potesse storpiarne il nome convinse i produttori a chiamarlo Pac-Man.

A questo punto il gioco crede di trovarsi in un livello inferiore a 8 e prova a tracciare sul fondo dello schermo 256 frutti.

Su altre fonti

In origine il gioco doveva chiamarsi Puck-Man riprendendo la parola onomatopeica giapponese “paku-paku” derivante dal rumore della masticazione. Si dice che Iwatani diede la forma a Pac-Man dopo aver mangiato una fetta di pizza. (GamerClick.it)

Questo permette anche di creare NPC (i personaggi non giocanti, come i fantasmi di PAC-MAN) in grado di reagire a ciò che accade, senza che il loro comportamento sia scriptato. GAMEGAN: L'AI RICREA PAC-MAN DA ZERO. (HDblog)

La versione di PAC-MAN realizzata con GameGAN sarà disponibile entro la fine dell’anno sulla piattaforma AI playground. “Questa è la prima ricerca per emulare un motore di gioco che utilizza reti neurali basate su GAN“, ha affermato Seung-Wook Kim, ricercatore NVIDIA e autore principale del progetto. (Tom's Hardware Italia)

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con Bandai Namco, il publisher di Pacman — gioco che compie 40 anni proprio in questi giorni. Un’IA di NVIDIA ha ricreato Pac-Man partendo da zero. Una IA di NVIDIA è stata in grado di ricreare il gioco Pac-Man partendo da zero, semplicemente guardando alcune partite del videogame. (Lega Nerd)

ritornerà anche in and the Ghostly Snack Attack, il prossimo capitolo della serie di PAC-MAN™ Stories™ sulla piattaforma Alexa di Amazon. (Multiplayer.it)

L’influenza di Pac-Man Pac-Man cambiò l'industria dei videogiochi in più di un senso. La storia del brano Pac-Man Fever è particolarmente rappresentativa del successo riscosso da Pac-Man, in particolare negli Stati Uniti, dove era difficile non incontrarlo girando per locali che offrivano cabinati. (Multiplayer.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti