Binotto: "C'è amarezza, giusto provarci ma non dobbiamo essere soddisfatti"

Binotto: C'è amarezza, giusto provarci ma non dobbiamo essere soddisfatti
Autosprint.it SPORT

Conta ogni dettaglio, purtroppo lo abbiamo visto oggi con il pit-stop, non ci si deve accontentare e secondo me non dobbiamo uscire soddisfatti da questa gara"

Da una parte una sosta ritardata, dall'altra un pit-stop lento (8"1) a togliere qualche punto al bottino Rosso di Istanbul.

C'è spazio per un del rammarico non nascosto da parte di Mattia Binotto, che ha sottolineato comunque la prestazione della SF21 in Turchia e l'intraprendenza della squadra. (Autosprint.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Un rischio che non ha pagato, ma vale la pena provare. Sicuramente abbiamo avuto una buona macchina oggi, soprattutto nel primo stint, mentre il secondo stint è difficile da giudicare, perché le gomme non erano nella condizione giusta. (Autosprint.it)

Sicuramente la gara odierna è stata soddisfacente per Carlos Sainz, che ha chiuso in top ten dopo essere partito in ultima posizione, con la nuove power unit montata. Durante il Gran Premio della Turchia Carlos Sainz ha messo in mostra tutta la sua grinta e la sua capacità di sorpasso, qualità che in molti degli addetti ai lavori mettevano in discussione. (Circus Formula 1)

Mi sono divertito tanto, poi quando si è asciugata la pista si è complicato tutto. (Sport Mediaset)

F1 - Gp Turchia 2021-Leclerc: “Il pit stop è arrivato troppo tardi”

“Valtteri ha guidato superbamente sul bagnato oggi – ha concluso Shovlin – ha avuto la gara sotto controllo dall’inizio alla fine I nostri strumenti di strategia mostravano che saremmo stati battuti comunque da Perez e Leclerc se fossimo rimasti fuori – ha chiarito Shovlin – così abbiamo scelto un nuovo set di intermedie per minimizzare le nostre perdite“. (FormulaPassion.it)

La SF21, infatti, si è ben comportata su questa pista, dando seguito a quanto messo in mostra nelle qualifiche disputate su pista asciutta e l’upgrade della Power Unit si è dimostrato più che valido. Una via di sviluppo che potrà servire anche per quello che sarà il 2022, stagione nella quale le monoposto muteranno in maniera importante dal punto di vista tecnico (OA Sport)

Il pit stop è arrivato troppo tardi L’assetto della vettura di Leclerc era stato improntato per l’asciutto, quindi non si sapeva come sarebbe potuto essere il livello di competitività della monoposto. (FUNOANALISITECNICA)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr