Ecco perché Taiwan conta nel braccio di ferro tra Pechino e l'Occidente

Ecco perché Taiwan conta nel braccio di ferro tra Pechino e l'Occidente
la Repubblica ESTERI

Quali sono gli interessi storici, economici e geopolitici in palio?

i che cosa parliamo quando parliamo di Taiwan?

L’ex colonia giapponese e rifugio dei nazionalisti sconfitti. A 160 chilometri dalla costa del Fujian, Cina popolare, sorge quella che i portoghesi nel XVI secolo ribattezzarono Formosa

E perché la Cina torna a parlare di riunificazione alla madrepatria di quella che considera una “provincia ribelle”?

Perché l’isola è al centro dello scontro con Pechino?

(la Repubblica)

La notizia riportata su altre testate

Un messaggio a Pechino il cui leader Xi Jinping ha affermato sabato che la riunificazione della Cina verrà realizzata. Tsai nel suo discorso ha sottolineato come la «vibrante democrazia dell'isola» sia in contrasto con lo «Stato comunista profondamente autoritario e a partito unico di Pechino». (Corriere Delle Alpi)

Ormai da tempo il Taiwan non è più un paese “ai margini” ma si trova al centro di numerose trattative con i più potenti paesi del mondo. Ma ormai forte dei solidi rapporti con USA, Giappone e UE il Taiwan non ha più intenzione di intraprendere la strada che la Cina ha tracciato. (Metropolitan Magazine )

“Il percorso che la Cina ha tracciato non offre né uno stile di vita libero e democratico per Taiwan, né la sovranità per i nostri 23 milioni di abitanti”, ha detto la leader Dal settembre dello scorso anno, la Cina ha fatto volare più di 800 aerei da combattimento verso Taiwan. (LaPresse)

Sale ancora la tensione tra Cina e Taiwan. Pechino respinge l'offerta di colloqui avanzata dal governo dell'isola del Pacifico

Sponsor by. La Cina, con il presidente Xi, è tornata a minacciare Taiwan, dove gli americani hanno appena spedito consiglieri militari. Dopo le parole di Xi Jinping sulla riunificazione a tutti i costi di Taiwan, Taipei risponde: senza paura. (TGNEWS24)

Nel suo discorso tenuto fuori dall’Ufficio Presidenziale nel Centro di Taipei, la Presidente ha anche aggiunto: “Non vi sia, però, alcuna illusione sul fatto che il popolo taiwanese chinerà il capo a tali pressioni” (PPN - Prima Pagina News)

Secondo la Cina Tsai Ing-wen ha così “sostenuto secessionismo e fatti distorti, appellandosi al pubblico in nome di consenso e solidarietà, mentre è in collusione con forze straniere per cercare la secessione”. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr