Omicron, buone notizie dal Sudafrica. Ecco come la nuova variante evita l'ospedale e fa meno morti

Tiscali Notizie ESTERI

È la variante Omicron che insieme alla Delta, ancora in circolo, in tempi brevi costringerà il 10% della popolazione italiana a stare in quarantena.

Ovvero casi poco gravi che rimangono ricoverati per due o tre giorni e poi rispediti a casa

E la settimana prossima si potrebbe arrivare a quattrocentomila al giorno e a 3,5 milioni di positivi e oltre.

Buone notizie dal Sudafrica. L’emergenza, almeno quella dei contagi, potrebbe essere però di breve durata, ancor più breve di quanto già preconizzato. (Tiscali Notizie)

Su altre fonti

Nessun caso di Omicron ha richiesto ventilazione meccanica rispetto a 11 casi di Delta”. A cura di Valeria Aiello. Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su Covid 19 ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI. (Fanpage.it)

«La variante Omicron è pericolosa soprattutto per i non vaccinati». L'allarme arriva dall'Oms: 15 milioni di casi in 7 giorni, «mai così tanti». (Il Gazzettino)

La variante Omicron comporta un minor rischio di ricovero, di necessità di ricorso alla terapia intensiva e di morte rispetto alla variante Delta. Un’ulteriore conferma arriva da uno studio coordinato da ricercatori dell’University of California di Berkeley e pubblicato in pre-print su medRxiv. (L'HuffPost)

Allo stesso tempo, l'Oms insiste che Omicron «rimane un virus pericoloso, soprattutto per coloro che non sono vaccinati». L'allarme arriva dall'Oms: 15 milioni di casi in 7 giorni, «mai così tanti». (ilmessaggero.it)

Il team di ricercatori ha raccolto i dati di 52.297 persone infettate con la variante Omicron e 16.982 con Delta. Sul fronte dei decessi lo studio in pre-print ha registrato 1 morto nei pazienti Omicron e 14 in quelli Delta. (Open)

I ricercatori rilevano comunque che le loro osservazioni si basano soltanto sulle prime sequenze e che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio le caratteristiche che permettono alla variante di trasmettersi così facilmente Entro il 16 dicembre la variante Omicron aveva già raggiunto 87 Paesi, diventati attualmente oltre cento Paesi, e sono 100.000 i genomi virali raccolti e pubblicamente disponibili nella baca dati internazionale Gisaid. (Popular Science)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr