Strage a Sassuolo, funerale comune: sepolti vicini nonni, madre e bimbi

Strage a Sassuolo, funerale comune: sepolti vicini nonni, madre e bimbi
Il Resto del Carlino INTERNO

Si è superata quota 55mila euro nelle donazioni arrivate nel Fondo di Solidarietà Città di Sassuolo con causale ‘Sostegno Minore via Manin’.

La stessa Elisa nelle confidenze alle amiche aveva detto che "lei era cresciuta con i nonni, i nonni sono un patrimonio".

Mentre non si ferma la maratona di solidarietà a sostegno della piccola di 11 anni.

La causale da indicare al momento del versamento è ‘Sostegno minore via Manin’

L’uomo, che si trovava in casa allettato nel momento della mattanza, venne ricoverato la sera stessa della tragedia, mercoledì 17, nella struttura protetta Casa Serena di Sassuolo. (Il Resto del Carlino)

Ne parlano anche altri media

Il Comune ha messo a disposizione il Fondo di solidarietà Città di Sassuolo, che esiste da oltre dieci anni Ancora poche informazioni invece sui funerali di Nabil: è escluso per evidenti ragioni possa essere associato alle altre quattro bare, si attendono comunicazioni dalla Tunisia da parte della sua famiglia. (Il Resto del Carlino)

L'uomo, raccontato dalla stessa Elisa, era molto legata al nonno col quale era cresciuta e del quale parlava spesso anche alle amiche. A cura di Chiara Ammendola. Non ce l'ha fatto Renzo Fontana, il nonno di Elisa Mulas, la donna uccisa dall'ex compagno a Sassuolo insieme alla madre e ai suoi due figli, Ismaele e Sami, di soli 5 e 2 anni. (Fanpage)

La bimba è andata al commissariato e gli agenti l’hanno riaccompagnata a casa, chiedendo al fratello Enrico se avesse le chiavi per aprire l’abitazione. La stessa Elisa nelle confidenze alle amiche aveva detto che "lei era cresciuta con i nonni, i nonni sono un patrimonio", il suo papà aveva diversi problemi ed era piuttosto assente. (Il Resto del Carlino)

Massacro Sassuolo, i funerali di Elisa Mulas, i suoi due bambini e la madre

I famigliari hanno quindi preferito mantenere il riserbo ed evitare una cerimonia pubblica, che avrebbe sicuramente richiamato molte persone, ma allo stesso tempo creato ulteriore clamore intorno al dramma che i superstiti della famiglia Mulas stanno affrontando. (ModenaToday)

Sopravvissuto alla strage di via Manin, è morto martedì nella residenza per anziani dove era stato trasferito Renzo Fontana, 97 anni, padre di Simonetta e nonno di Elisa Mulas. L’anziano, molto conosciuto in città, era allettato per diverse patologie e pare non abbia assistito a quanto avvenuto nell’appartamento. (sassuolo2000.it - SASSUOLO NOTIZIE - SASSUOLO 2000)

A quanto si apprende la salma di Nabil Dhahri è stata invece trasferita a Tunisi, dove sarà tumulata (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr