Cartelle esattoriali diluite: il MEF lavora su un possibile allungamento della scadenza del 2 agosto

Cartelle esattoriali diluite: il MEF lavora su un possibile allungamento della scadenza del 2 agosto
Money.it ECONOMIA

Potrebbe esserci un’importante novità in merito alle cartelle esattoriali, che in particolare riguarda la scadenza del 2 agosto.

In tale data confluisce la scadenza di 16 rate: secondo le anticipazioni della viceministra Laura Castelli, il MEF starebbe lavorando su come “ammorbidire” questi appuntamenti accatastati.

Cartelle inesigibili da cancellare per sbloccare la Riscossione. L’intervista alla viceministra MEF ha toccato anche il tema dell’evasione fiscale

La viceministra MEF però è chiara su un punto: non è una promessa. (Money.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Conti correnti senza più lucchetti per l’Agenzia della Riscossione, che potrebbe conoscere i la consistenza del conto del debitore e non soltanto l’esistenza. Dopo 10 anni, non raggiunge il 15 per cento” si legge (Wall Street Italia)

Mentre il Tesoro è impegnato in una riflessione sulla riforma della riscossione, un assist alla necessità di intervenire arriva dalla Consulta che - in particolare sull'aggio della riscossione delle entrate pubbliche, ovvero la remunerazione per gli agenti - chiede un urgente intervento del legislatore. (la Repubblica)

E, dall’altro, a garantire adeguate risorse e soluzioni per l’efficiente funzionamento della riscossione coattiva. 1.000 miliardi di mancate entrate. L’evasione fiscale accumulata, in questo senso, rappresenta una anomalia unica nel panorama internazionale e incide sulla funzione della riscossione. (InvestireOggi.it)

Riscossione, mille miliardi di entrate mancate: l'appello della Corte Costituzionale al legislatore

Noi abbiamo un sistema in cui ci sono lavoratori dipendenti che subiscono un prelievo alla fonte. Come già sappiamo, il governo sta studiando un piano che prevede un decadimento dei debiti col Fisco dopo 5 anni. (Liberoquotidiano.it)

Inizialmente, la proroga concessa per il pagamento delle cartelle esattoriali era stata allungata fino al 30 giugno. La situazione dell’Italia, sempre più alle porte della stagione estiva, appare ancora troppo instabile per ripartire a regime con la riscossione dei tributi. (ContoCorrenteOnline.it)

Comunicato stampa Corte Costituzionale del 10 giugno 2021 AGGIO SULLA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PUBBLICHE: È URGENTE L’INTERVENTO DEL LEGISLATORE Sono quasi mille miliardi di euro le entrate mancanti nelle casse dello Stato: l’allarme è stato più volte non solo dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ruffini, ma anche dalla Corte dei Conti. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr